PUZZA DI SERIE B

Cagliari sconfitto 2-0 dal Verona

pubblicato il 03/04/2021 in Match report da Antonello Cossu
Condividi su:
Antonello Cossu
2020

Da parte di Antonello Cossu è tutto, un saluto ed un ringraziamento ai lettori dalla redazione di www.blogcagliaricalcio.net. Rimanete collegati per le pagelle e le dichiarazioni dei protagonisti nel dopo gara.

 

99' Triplice fischio di Doveri: il Verona sconfigge 2-0 il Cagliari e lo inguaia per la lotta salvezza. Gialloblù invece già praticamente salvi a quota 41 punti.

98' 2-0 di Lasagna. L'attaccante riparte da solo con il Cagliari completamente sbilanciato in avanti e batte Cragno con un sinistro in diagonale. 

95' Palo del Verona! Cragno salva i rossoblù intervenendo sul tiro di Salcedo a colpo sicuro che si infrange sul palo! Rossoblù ad un passo dal match point!

93' Doppia chance sprecata dal Cagliari prima col sinistro al volo sbagliato da Asamoah e poi col tap-in, peraltro davvero difficile, di Pavoletti. Pallone sul fondo, ultime speranze per il Cagliari.

90' 5 minuti di recupero assegnati da Doveri.

90' Colpo di testa velleitario di Pereiro, Silvestri blocca la sfera al petto.

87'     Cartellino giallo per Sturaro, fallo in netto ritardo su Joao Pedro.

86' Nulla di fatto, rimessa dal fondo per il Verona.

85' Fallo di Faraoni su Pavoletti, calcio di punizione importante per il Cagliari.

82' Semplici si gioca il tutto per tutto: fuori Duncan per Pavoletti.

80' Ancora Cagliari! Marin si salta il diretto marcatore in area e prova il tiro, pallone fuori di poco!

79' Destro alto di Joao Pedro! Simeone si invola sulla fascia sinistra e mette dentro un cross radente per Joao Pedro che il brasiliano non riesce a tramutare in gol! Occasione importante per il Cagliari, brivido per il Verona.

77' Sostituzioni nel Verona: fuori Lovato e Zaccagni, dentro Magnani e Salcedo.

75' Zaccagni forza la giocata per premiare l'inserimento di Bessa e perde il pallone. Rimessa dal fondo per il Cagliari.

72' Cambio di Semplici: fuori Nandez e dentro Razvan Marin.

70' 20 minuti più recupero al termine della sfida, Cagliari sotto 1-0 contro il Verona, rete di Barak.

67' Cambio nel Verona: fuori Bessa per Barak.

65'  Palo clamoroso di Simeone! Grande verticalizzazione di Duncan per il cholito, l'argentino calcia col piatto destro a porta semi sguarnita ma colpisce in pieno il palo alla sinistra di Silvestri!

63' Duncan ci prova col sinistro, la conclusione del centrocampista cagliaritano viene murata dalla difesa.

62' Triplo cambio nel Cagliari: fuori Klavan, Lykogiannis e Cerri, dentro Pereiro, Asamoah e Simeone.

61' Il Verona si salva! Cerri riceve la sfera da Joao Pedro e calcia col destro, Silvestri respinge e Zappa si avventa sul pallone per primo colpendo però un difensore gialloblù! Cagliari sfortunato in qeusto frangente.

58' Cagliari che adesso si trova costretto a rincorrere, il tempo per recuperare c'è ma occorre giocare con la testa.

55' Cambio nel Verona: dentro Sturaro per Tameze.

54' Verona in vantaggio con Barak! Gran sinistro da fuori area del trequartista ex Udinese, il pallone si infila a fil di palo beffando Cragno! Gialloblù avanti 1-0 alla Sardegna Arena!

53' Nandez scappa sulla destra e confeziona un cross pericoloso che Faraoni disinnesca spedendo il pallone in angolo.

50' Zappa chiude su Zaccagni, calcio d'angolo per il Verona.

46' Inizia la ripresa di Cagliari-Verona, pallone in possesso degli ospiti.

 

46' Doveri chiude la prima frazione di Cagliari-Verona sul parziale di 0-0. Ora l'intervallo e poi la ripresa del match.

45' 1 minuto di recupero assegnato da Doveri.

43' Corner di Dimarco, Godin respinge di testa, Veloso prova al volo ma la sua conclusione viene murata dalla difesa cagliaritana.

39' Ceccherini esce dal campo in seguito all'intervento dello staff medico veronese, ora l'ex Fiorentina attende l'ok per rientrare.

37' Lykogiannis alle stelle! Occasione clamorosa per il Cagliari: Nandez confeziona un bel cross da destra, il pallone passa nell'area piccola e viene raggiunto dal greco numero 22 che lo spedisce in curva col mancino!

34' Regge lo 0-0 alla Sardegna Arena, partita viva ed aperta ad ogni risultato.

31' Rugani stende Zaccagni nel tentativo di anticiparlo, fallo per il Verona.

28' Ora il Verona preme ed il Cagliari riesce a rendersi pericoloso più raramente. Fallo in attacco di Cerri, punizione per i gialloblù.

25'     Giallo per Klavan, fallo su Zaccagni autore di una bella giocata in dribbling.

23' Sinistro di Lasagna che esce di un soffio! Azione prolungata del Verona finalizzata malamente dall'ex attaccante dell'Udinese che spedisce il pallone fuori da distanza ridotta!

19' Grande intervento di Silvestri su Joao Pedro! Nainggolan recupera il pallone e serve il brasiliano, destro angolato e parata del portiere che devia la sfera in angolo! Corner per i rossoblù.

16' Klavan cerca Cerri con un lancio lungo dalle retrovie, il pallone si perde sul fondo.

14' Cross basso di Faraoni, Klavan interviene rifugiandosi in corner.

11' Veloso cerca la porta direttamente da calcio di punizione, Cragno respinge a mani aperte.

8' Contatto tra Klavan e Lasagna dopo un disimpegno errato del difensore estone, calcio di punizione per i gialloblù.

5'     Prima ammonizione del match ai danni di Lovato, reo di aver atterrato Cerri in netto ritardo.

4' Cagliari aggressivo in questo avvio di gara, buono l'atteggiamento messo in campo dai rossoblù.

1' Partiti! Primo pallone giocato dal Cagliari.

Buon pomeriggio a tutti i lettori da parte di Antonello Cossu e benvenuti alla cronaca testuale di Cagliari-Verona, match valido per la 29^ giornata del campionato di Serie A. Le due squadre hanno annunciato i 22 titolari che tra poco scenderanno in campo per effettuare il consueto riscaldamento pre partita. Calcio d'inizio fissato alle 15:00.


CAGLIARI-VERONA: LE FORMAZIONI UFFICIALI

CAGLIARI (3-5-2): Cragno; Rugani, Godin, Klavan; Zappa, Nandez, Nainggolan, Duncan, Lykogiannis; Joao Pedro, Cerri. Allenatore: Leonardo Semplici.

HELLAS VERONA (3-4-2-1): Silvestri; Ceccherini, Lovato, Dimarco; Faraoni, Tameze, Veloso, Lazovic; Barak, Zaccagni; Lasagna. Allenatore: Ivan Juric.

CAGLIARI-VERONA: PREVIEW E PROBABILI FORMAZIONI

Il Cagliari ritorna in campo dopo la sosta per affrontare il Verona di Juric, una delle squadre più ostiche di questa Serie A, che al momento però vive un periodo di appannamento. I sardi sanno che questa è una partita da vincere a tutti i costi, soprattutto dopo aver perso lo scontro diretto contro lo Spezia.

Le scelte - Si prevede un undici sulla falsa riga di quello delle altre volte. In porta andrà Cragno, e non potrebbe essere altrimenti. In difesa mancherà Ceppitelli, che non è stato convocato per la gara di oggi causa problema al polpaccio. Al suo posto uno tra Klavan e Walukiewicz, con l'estone avvantaggiato sul classe 2000, questione di esperienza. Insieme all'ex Liverpool andranno a comporre il terzetto della retroguardia Godin e Rugani.

A centrocampo c'è il dubbio Marin: il rumeno è tra i 22 convocati ma viene dalle fatiche della Nazionale dove ha giocato tre gare in una settimana senza risparmiarsi un minuto, per cui non sarà al meglio della condizione, ma dall'altra parte è difficile che Semplici rinuncia alla sua mezzala, per cui, salvo sorprese, dovrebbe partire dal primo minuto. L'altra mezzala sarà Radja Nainggolan, mentre al centro, davanti alla difesa, andrà Alfred Duncan. Sugli esterni le scelte sono sempre quelle: Nandez a destra e Lykogiannis a sinistra.

In attacco scalpita il totem Joao Pedro, mentre come sempre sarà ballottaggio tra Pavoletti e il Cholito Simeone, con il primo avvantaggiato.

Probabili formazioni

CAGLIARI (3-5-2): Cragno; Rugani, Godin, Klavan; Nandez, Marin, Duncan, Nainggolan, Lykogiannis; Pavoletti, Joao Pedro. All. Semplici.

VERONA (3-4-2-1): Silvestri; Ceccherini, Lovato, Magnani; Faraoni, Tameze, Veloso, Lazovic; Barak, Zaccagni; Lasagna. All. Juric.

CAGLIARI-VERONA: STATISTICHE OPTA (Eurosport)

Il Verona ha vinto sette delle ultime 11 sfide contro il Cagliari in Serie A (2N, 2P), due in più che nelle prececedenti 20 contro i sardi nel torneo (7N, 8P).

Cagliari e Verona potrebbero pareggiare entrambe le sfide stagionali di Serie A per la seconda volta, dopo il 1972/73.

Per la terza volta nella sua storia il Cagliari ha perso 16 delle prime 28 gare stagionali di Serie A, dopo il 2007/08 e il 1975/76 - i sardi però potrebbero registrare 17 sconfitte dopo 29 partite in una singola stagione per la prima volta in Serie A.

Il Verona ha perso le ultime tre partite di campionato, è da maggio 2018 che non infila almeno quattro sconfitte di fila in Serie A, sette in quel caso con Fabio Pecchia alla guida.

Il Verona ha perso quattro delle ultime sei trasferte di campionato (1V, 1N), dopo che era rimasto imbattuto in tutte le sette precedenti (3V, 4N).

Il Verona ha vinto otto delle ultime 10 partite contro squadre che a inizio giornata occupavano le ultime tre posizioni della classifica (2P).

Solo la Juventus (otto) ha subito meno gol del Verona (nove) negli ultimi 30 minuti di gioco in questa Serie A.

Il Verona è l’avversaria contro cui João Pedro del Cagliari ha disputato più minuti in Serie A (296) senza mai riuscire a segnare.

Solo Illan Meslier del Leeds e Sam Johnstone del West Bromwich (entrambi 115) hanno effettuato più parate di Alessio Cragno del Cagliari (111) in questa stagione nei top-5 campionati europei.

Il Cagliari è la vittima preferita di Nikola Kalinic del Verona in Serie A (sei gol in sei sfide), inclusa la sua seconda ed ultima tripletta nel torneo, risalente all’ottobre 2016 con la Fiorentina proprio in Sardegna.

 

CAGLIARI-VERONA: IL METEO

Il meteo - Cieli sereni per tutto l'arco della giornata. Non sono previste precipitazioni. Le temperature saranno comprese tra i 19 e i 20 gradi, con un indice di umidità relativa pari al 64 %.

I venti saranno moderati e provenienti da Ovest.

Visibilità prevista: buona.

CAGLIARI-VERONA: LA VIGILIA DEI DUE ALLENATORI 

Leonardo Semplici, tecnico del Cagliari: 

"Ceppitelli non ci sarà perchè ha avuto un problema al polpaccio e si è allenato a parte. Marin è tornato ieri sera, ha fatto 3 partite in 8 giorni, non è al meglio ma verrà con noi, poi vedremo se giocherà o meno dal primo minuto.

Sono stati dieci giorni importanti, abbiamo cercato di andare a migliorare quei 4/5 principi che avevo cercato di trasmettere alla squadra nelle prime settimane. Domani affrontiamo una squadra di valore che sta facendo un ottimo campionato e starà a noi fare un'ottima prestazione e portare a casa il risultato.

Su Cragno è tutto sotto controllo, il tampone è negativo, stiamo prendendo tutte le precauzioni ma dovrebbe esserci. 

Il Verona? Ha un'identità ormai consolidata, mettono in difficoltà tutti gli avversari ma, al di là, dell'avversario dobbiamo giocare agguerriti e vogliosi di dimostrare quello che finora non siamo riusciti a fare.

C'è da lavorare anche sulla fase offesiva ma in generale ci siamo concentrati su tutte le fasi, ripensando alla gara della Spezia dobbiamo migliorare sul concretizzare le occasioni che ci capitano. In generale dobbiamo riproporre le opportunità che abbiamo avuto, dobbiamo essere più cattivi, agonisticamente parlando, non solo sotto porta ma in generale in tutte le fasi di gioco. Dobbiamo raschiare il barile per portare a casa il risultato.

Anche l'aspetto fisico è importante, anche in questo periodo della stagione. I ragazzi sono stati disponibili e hanno lavorato con grande attenzione, perchè sono consapevoli del momento e dell'avversario di domani, che è fisico e determinato. Mi aspetto tanto sotto l'aspetto dell'aggressività, determinazione e attenzione. Poi ci saranno tanti aspetti da considerare ma mi aspetto una buona prestazione.

La rabbia del post Spezia per non aver portato un risultato positivo dobbiamo ancora sentirla, anche se sono passati tanti giorni, deve caricarci e darci voglia di fare risultato. Dobbiamo tirar fuori quelle che sono le qualità di questi ragazzi, tutte le riconoscono ma per un motivo o per l'altro ancora non abbiamo dimostrato il nostro valore. Sappiamo che ormai ogni gara è una finale, possiamo farcela a raggiungere l'obiettivo ma servono tutte le caratteristiche che ho detto finora.

Bisogna essere consapevoli che quella di domani è una gara importantissima, però non è nemmeno l'ultima spiaggia, ce ne sono altre 9 che avranno un'importanza fondamentale.

Il sostituto di Ceppitelli? Klavan, Carboni, Walu e gli altri sono tutti papabili. Non ho problemi di scelta. La rabbia per affrontare le prossime gare l'abbiamo, dimostrarla però è tutto un altro discorso. Io credo che i miei ragazzi abbiamo le qualità per farcela, da quando sono arrivato abbiamo fatto anche buone prestazioni, domani bisognerà mettersi il casco in testa e andare in battaglia, poi c'è sempre in mezzo l'avversario. Io ho visto i ragazzi prepararsi nella maniera giusta, dobbiamo ripartire dalle buone prestazioni fatte finora.

Pereiro? è un giocatore di grande qualità, nel 3-5-2 fa la seconda punta o la mezzala oppure, come a Spezia, cambiando modulo può fare l'esterno di centrocampo. Ha grandi qualità tecniche, è bravo nell'1 contro 1 e potrebbe darci una grande mano.

Fare la corsa sul Torino? No, noi la facciamo su noi stessi. Nella mia prima conferenza avevamo detto che sarei stato un normalizzatore, invece no, devo essere un incazzatore, dobbiamo sentire la responsabilità di un'intera isola e sta a me far sì che i ragazzi scendano in campo con una cattiveria e un desiderio di rivalsa che abbiamo nelle nostre corde. Fare bene domani potrebbe darci la spinta per le prossime nove".

Ivan Juric, tecnico del Verona (www.calcionews24.com)

CHE SETTIMANE SONO STATE – «Gunter ha preso una botta al polpaccio, ma ci abbiamo messo tempo per recuperarlo e non ci saràKalinic non lo vedo in condizione e non sarà convocato. Colley recuperato mentre Vieira ha ripresa a correre. I nazionali qualcuno ha giocato di più, qualcuno di meno».

NUOVO CAMPIONATO CONTRO IL CAGLIARI – «La mia sensazione è che sono 10 partite e il primo obiettivo è salvarsi, il prima possibile. Quello che ho notato è che siamo stanchi mentalmente, prendiamo gol per questo motivo. Nell’ultima partita non ci ho visto bene. Non abbiamo rispettato il piano partita con l’Atalanta e ho visto grande stanchezza mentale. Questi ragazzi hanno ribaltato tutti i pronostici, io li ho ribaltati a livello mentale e fisico. Stiamo parlando di ragazzi eccezionali. Il fatto che l’anno scorso eravamo meno pagati siamo arrivati noni, quest’anno siamo terzultimi sui pagamenti e siamo noni. Questo anno i ragazzi continuano ad essere fantastici e non sono stati aiutati a sufficienza da un’altra parte. Quando sono cambiate le carte in tavola abbiamo sbagliato, nel momento di difficoltà dovevano giocare sempre. Ora sono un po’ preoccupato nonostante abbia una fiducia pazza in questa squadra. So che daranno tutto in queste 10 partite, li ho spremuti fino all’osso. Ma i ragazzi non devono mollare, per me non è accettabile. E ho visto qualcosa che non mi è piaciuto: ho visto tutti un po’ al di sotto, un po’ di meno, ma non è accettabile. Io voglio finire molto bene, ci sono dieci finali. Dovremo morire sul campo».

STANCHEZZA MENTALE – «In queste due settimane ero molto combattuto, su come riprendere la strada. È chiaro che avevamo bisogno di riserve e di giocatori che dessero una mano e non è stato così. Ma d’altra parte dentro di loro deve scattare qualcosa, perché hanno fatto cose bellissime e non devono buttarle. Le altre tre partite con l’Atalanta sono state diverse: io voglio la mia squadra, se devono andare oltre e bruciarsi il cervello che lo facciano. È chiaro che avremmo bisogno di tre o quattro giocatori di esperienza che ci sono mancati, ma adesso voglio che ci ricompattiamo e torniamo ai nostri livelli, con le caratteristiche che ci hanno contraddistinto».

VOCI SUL FUTURO – «Le voci non mi disturbano, sono concentrato 100% qua. Non dormo la notte perché voglio lavorare bene. So come sono cresciuti questi ragazzi, come hanno cambiato il loro modo di vedere il calcio. Abbiamo fatto danni su ragazzi giovani, a inizio campionato, parlando troppo presto di certe cose. Anche i procuratori dovrebbero essere più lucidi. Ma ad alcuni ragazzi non importa niente. Alcuni, però, iniziano a vivere male questa situazione. Io voglio molto concentrazione, ci vuole un po’ di rispetto anche per noi. A me dà fastidio: noi dobbiamo generare rispetto nei nostri confronti. Dopo un po’ alcuni giocatori sono meno disturbati da questa cosa, all’inizio qualcuno ha pagato, avendo alti e bassi clamorosi».

CAGLIARI-VERONA: I PRECEDENTI DELLA SFIDA

Match casalingo per un Cagliari (quasi) disperato che ospiterà l’Hellas Verona. Sono 27 i precedenti nell'Isola tra le due squadre tra Serie A e B. 17 vittorie dei sardi, 7 pareggi e 3 vittorie scaligere. 49 i gol segnati dai rossoblù, 22 dai gialloblù.

CAGLIARI-VERONA: LA DESIGNAZIONE ARBITRALE

Cagliari-Verona è stata affidata a Daniele Doveri che verrà coadiuvato da Costanzo e Tolfo.

Quarto ufficiale Marini.

Al Var Nasca, Avar Lo Cicero.